Gaming

KenRhen, l’emozione di essere caster

Ecco perché gli esport sono sulla strada giusta.

In occasione del PG Nationals, il campionato di League Of Legends, abbiamo fatto qualche domanda a KenRhen.

Come ti sei appassionato al mondo degli esport? 

La mia passione per il mondo degli esport è nata nel momento in cui ho visto la finale del Campionato Mondiale commentata da caster professionisti.
Vedere le emozioni, il livello di gioco, la qualità della trasmissione e come tutto questo veniva trasmesso con energia al pubblico mi ha fatto innamorare permanentemente di questo universo.

Come si sta sviluppando in Italia il mondo degli esport?

Da quanto è iniziata la nostra avventura come caster su PG Esports questo settore è cresciuto tantissimo. La community diventa sempre più numerosa e la scena professionale ormai vanta decine, se non centinaia, di figure specializzate provenienti da ogni settore.
C’è voluto del tempo prima di poter vedere tutto ciò, ma finalmente possiamo dire di essere sulla strada giusta!

Cosa consigli per chi inizia ora l’avventura degli esport?

Il primo consiglio è trovare i propri spazi.
Il mondo degli esport presenta mille sfaccettature e per chi si approccia per la prima volta può risultare facile smarrirsi.
Cercate il titolo che più vi emoziona, cercate una community con la quale giocare e scambiare le vostre opinioni e senza accorgervene, vi troverete a bordo di una splendida avventura.

Cosa rappresentano per te questi oggetti?

Ognuno di essi ha un significato particolare.
Dagli albori della mia carriera da caster a momenti più recenti che si sono tradotti in particolari scelte stilistiche, passando per quella che è la mia vita da streamer. In ogni annuncio riuscirete a trovare i dettagli di cosa rende speciale per me questi articoli.