Musica e Film

17 nov alle 09:55ID: 248787637

Fascia tracolla per chitarra

Monteprandone (AP)

20 €

Salvo



Descrizione

Nuova mai usata. Spedizione gratuita. Collare per chitarre regolabile e larghezza fascia di 5 cm. in stoffa di colore rosso con note musicali ricamate bianche e con i finali per gli agganci in vera pelle. Il tutto è molto resistente ed elegante grazie all' ottima manifattura e alta qualità dei materiali impiegati per la realizzazione di questo articolo. Per qualsiasi altra informazione o acquisto potete anche contattarmi direttamente sul mio numero di telefono 327.6952634 (anche Whazz App). Alla fine del XVIII secolo i liutai napoletani furono i primi a produrre chitarre a sei corde: erano di dimensioni piuttosto ridotte, costruite in acero o legni da frutto. La chitarra napoletana più antica che conosciamo è del 1764 di Antonio Vinaccia, appartenente ad una longeva famiglia di liutai napoletani. Lo strumento è interessante perché presenta quasi tutte le caratteristiche della chitarra moderna. Nell'Ottocento, l'arte della liuteria chitarristica aveva raggiunto, in Italia, un altissimo grado di raffinatezza: i Fabricatore, Giovanni Battista e Gennaro Fabricatore avevano autorevolmente guidato a Napoli la transizione tra gli strumenti settecenteschi e quelli nuovi, a sei corde semplici, e i Guadagnini avevano acquisito, con la loro dinastia, in quel di Torino, un meritato prestigio. Subito dopo anche in Spagna la chitarra a 6 corde cominciò ad affermarsi soprattutto a Malaga e Siviglia. Anche in Francia, verso il 1820, fiorisce questa caratteristica grazie al liutaio Ren? François Lacôte molto apprezzato da famosi chitarristi del suo tempo: Fernando Sor e Ferdinando Carulli. A Cremona, Carlo Bergonzi, attivo dal 1780-1820, costruisce alcune interessanti chitarre a 6 corde. I primi strumenti costruiti da Antonio de Torres arrivati a noi sono del 1854 e hanno già tutte le caratteristiche della chitarra classica moderna. De Torres fu il primo a concentrare la propria attenzione sulla tavola armonica, aumentandone la superficie e disponendo il ponticello.


Inserzionista