In pratica

Acqua tergicristalli: la guida completa

Per guidare in totale sicurezza e affrontare le variegate condizioni meteo al volante della propria vettura, senza correre rischi, è utile tenere sempre sotto controllo il liquido tergicristalli, tanto da poter avere una visibilità sempre ottimale. Vediamo in questa guida quali sono i consigli utili per avere una vettura col tergicristalli sempre efficiente.

Come si ricarica l’acqua per i tergicristalli?

Per rabboccare il serbatoio dell’acqua è fondamentale aspettare che il motore sia freddo. A quel punto si può procedere con l’operazione, aprendo il cofano ed individuando il tappo su cui è raffigurato il simbolo col parabrezza e lo zampillo d’acqua. Una volta aperto il tappo, di solito in colore blu, si può riempire la vaschetta con acqua di rubinetto o demineralizzata.

Non dimenticate di aggiungere gli additivi detergenti e antigelo, che oltre a garantire un parabrezza più pulito evitano le incrostazioni dei condotti.

Se gli ugelli sono otturati dal calcare, si può cercare di aggiungere alla vaschetta piena un bicchiere di aceto e un “anticalcare” a buon mercato che non sciupi la vernice. Se poi lo spruzzo d’acqua è deviato rispetto alle zone centrali del parabrezza, si può riposizionarlo aiutandosi con uno spillo.

Questo stesso metodo può essere utile anche per sturare l’ugello dal calcare. In inverno l’antigelo può essere sostituito con un bicchiere di alcol denaturato, mentre cambiare periodicamente le spazzole è un buon consiglio per avere vetri sempre ben puliti e garanti di buona visibilità.

Come verificare il livello di acqua tergicristalli?

Sarà sufficiente aprire il cofano motore della vettura, individuare serbatoio acqua tergicristalli, riconoscibile dal simbolo raffigurante il parabrezza con sopra le gocce d’acqua disegnate sul tappo, versare il liquido, cercando di non versarlo al di fuori, ed infine richiudere il tappo ed il cofano motore.

Per capire il livello di capienza sarà sufficiente osservare le tacche presenti su alcune cisterne per il liquido tergicristallo, in alternativa sarà l’auto stessa ad avvertirvi del basso livello di liquido tergicristalli, tramite alcuni messaggi proiettati sul computer di bordo.

Come scegliere l’acqua tergicristalli adatta?

L’acqua tergicristalli viene usata per pulire il parabrezza e il lunotto posteriore, con conseguente esaurimento del liquido. Fondamentale, quindi, è avere sotto controllo il livello dell’acqua per evitare di dover viaggiare con una visibilità compromessa dallo sporco.

Per il rabbocco dell’acqua tergicristalli si può utilizzare la comune acqua del rubinetto, ma se questa ha forti contaminazioni calcaree si rischia di intasare i condotti e gli ugelli. La scelta migliore è quella di comprare acqua demineralizzata reperibile in qualunque supermercato e dal prezzo decisamente economico: circa 20 centesimi al litro.

Per poter contare su una pulizia ottimale è consigliabile mescolare l’acqua mineralizzata ad un detergente specifico, mentre è da evitare l’utilizzo di prodotti per la pulizia dei piatti o dei vetri di casa che potrebbero danneggiare il parabrezza e lasciarlo macchiato.

Come preparare l’acqua tergicristalli fai da te?

Un modo per la realizzazione del liquido per la pulizia del parabrezza è quello di usare un detergente da diluire con l’acqua. Versate quattro litri di acqua distillata in un contenitore vuoto e pulito. Utilizzando l’acqua distillata, eviterete lo spiacevole inconveniente degli accumuli di calcare.

Aggiungete poi all’acqua distillata 240 millilitri di comune detergente. Mescolate bene la soluzione e avrete realizzato il vostro liquido tergivetro fai da te. Un altro metodo prevede l’uso di comune sapone per piatti e ammoniaca, anche se usare il sapone per piatti non è la cosa migliore che si possa fare.

Ad ogni modo, anche in questo caso versate quattro litri di acqua distillata in un recipiente o una tanica. La tanica vi servirà poi per travasare la miscela che andrete a comporre, direttamente nella vaschetta dei tergicristalli. Prendete poi 15 milligrammi di sapone liquido per piatti e versatelo nella tanica con l’acqua distillata.

Non dovrete assolutamente esagerare con il sapone, per evitare che il detergente diventi troppo denso. Utilizzate il prodotto che preferite, accertandovi però che esso non lasci residui o aloni sul vetro. Aggiungete infine 120 millilitri di ammoniaca. Usate l’ammoniaca in una zona bene ventilata e maneggiatela con i guanti. Chiudete poi la tanica e agitatela per mescolare la soluzione.

Quanto costa e dove si può acquistare l’acqua tergicristalli?

I prodotti per i tergicristalli non hanno un costo elevato, variano dai 5 ai 10 euro, e possono essere acquistati presso i rivenditori di prodotti per auto, ma anche in un comune supermercato nel reparto dedicato al fai da te.

Non è difficile rimanere senza questo liquido, infatti quando si usa quotidianamente tende a esaurirsi in fretta e per questo deve essere periodicamente ricaricato.