In pratica

Affittare casa vacanze: come fare, quanto si guadagna, leggi

Hai mai pensato di trasformare il tuo immobile in una casa vacanza? Ora ti chiariamo alcuni passaggi e alcune curiosità affinché tu possa muoverti in questo mondo, in maniera semplice e senza intercorrere in sanzioni.

Quali immobili si possono affittare come case vacanze?

Affinché l’immobile possa essere messo sul mercato delle case vacanza per affitto turistico, l’edificio deve possedere alcuni requisiti fondamentali. Innanzi tutto devono essere immobili con una destinazione d’uso di tipo abitativo. Poi, la casa che metterai a disposizione dei turisti deve essere a norma secondo le normative edilizie vigenti, essere conforme alle regole igienico-sanitarie e di sicurezza.

Un’altra cosa da conoscere che potrebbe tornarti utile è che l’affitto turistico, così come quello tradizionale, non ti impone di affittare tutta l’edificio. Puoi, quindi scegliere, se destinare agli ospiti solo una porzione della casa.

Quanto si può guadagnare affittando case vacanze?

Ma è veramente conveniente destinare una casa a questa tipologia di attività? Te lo sarai sicuramente chiesto. Per questo analizziamo insieme quali sono i pro di un affitto breve e quali quelli di una locazione a lungo periodo.

A parte la tipologia e i comfort che offri, se la tua casa vacanza si trova al mare o in montagna, dovrai massimizzare le entrate nei periodi di “alta stagione” invernale o estiva in base alla zona. Se invece la tua è una casa in centro città, il tuo guadagno sarà dilazionato durante tutto il periodo dell’anno.

Secondo alcune stime, si possono raggiungere guadagni di 8/10 mila euro all’anno al netto delle spese e delle tasse. Questo elaborando una stima delle case vacanza che si trovano nelle principali città del Nord: Bologa, Venezia Milano e Firenze. , Prima di metterla sul mercato, puoi sempre effettuare un’analisi di mercato facendoti un’idea con gli altri immobili che trovi su Subito.it.

Le cose cambiano da località a località. Secondo uno studio presentato alla borsa del turismo Travelexpo, in alcune località turistiche, le case vacanza fruttano un notevole guadagno soprattutto nel periodo di tempo che oscilla tra i mesi di aprile e di agosto.  Si parla di una media di 4.800 euro lordi al mese per una casa vacanza a Taormina o a Marin di Ragusa.

A Palermo è stimati un introito di 1.800 euro lordi al mese, decisamente inferiore rispetto alle cifre che hai letto qualche rigo sopra, avvicinandosi a quelle che sono le medie delle città del Nord. Ma in questo caso va tenuto in considerazione il fattore stagionale. Le grando città e i capoluoghi di regione possono vantare un entrata costante durante l’arco dell’anno. Le case vacanza che si trovano in località turistiche, garantiscono un’entrata maggiore ma per un periodo limitato.

Differentemente, se affitti un immobile per tutto l’anno, con un contratto regolarmente registrato, il tuo guadagno si potrebbe aggirare a una media di 8.000, considerando che quest’anno la nuova Imu è completamente a carico tuo che sei il proprietario. Questa stima può essere ulteriormente compromessa nel caso di imprevisti e spese straordinarie.

Quante e quali imposte bisogna pagare affittando case vacanze?

Facciamo un po’ di conti. Se viene applicata la cedolare secca, applicabile solo se il contratto viene registrato all’Agenzia delle Entrate, ma questo passaggio è facoltativo. In questo caso la tassa è del 21%. Se ti affidi al contratto tradizionale, invece, la quota da versare è pari al 2% del canone annuo, ma questo solo se decidi di registrare il contratto.

La nuova Imu sarà esclusivamente a carico tuo. La tassa di soggiorno, che tanto ha fatto discutere negli scorsi anni puoi scegliere se farla versare al turista, o se versarla tu, facendo bene i calcoli costi/guadagni. La tassa di soggiorno non è fissa, ma viaria da comune a comune. I guadagni nelle città cambiano vertiginosamente.

Quanto impegno richiede affittare case vacanze?

Affittare un immobile come casa vacanza non è roba da poco, quindi se decidi di prenderti questo impegno devi conoscere tutte i dettagli per capire come essere competitivo ma allo stesso tempo accogliente.

Dovrai occuparti della pulizia della casa a 360 gradi, compreso il lavaggio della biancheria da notte e da bagno. Fare bene attenzione che il materasso del letto e del divano non siano stati danneggiati, così come gli altri componenti d’arredo.

Assicurati che gli ospiti precedenti non abbiano dimenticato cibo nelle dispense e nel frigo, questo potrebbe provocare cattivi odori o non essere gradito dagli ospito.

La colazione non spetta a te, a meno che tu non decida di inserirlo come optional e allora e bene evidenziarlo nell’annuncio, così come la presenza del wifi, del ferro da stiro e della possibilità di ospitare animali.

Un’altra cosa che gli ospiti potrebbero gradire è la presenza di confezioni mono uso di sale, zucchero e olio. Assicurati che l’immobile sia pulito e in ordine prima dell’arrivo dei nuovi ospiti. I clienti puoi raggiungerli tramite il portale Subito.it, inserendo un annuncio chiaro a chiunque e dettagliato, con le foto che meglio rappresentano non solo la casa ma anche la zona circostante.

Dove conviene affittare case vacanze?

Se hai deciso che l’affitto breve è l’attività che fa per te, allora non ti resta che caricare il tuo annuncio su Subito.it.
Prima di procedere assicurati di ave scritto un annuncio accattivante, chiaro e semplice. Inserisci tutti gli optional che un ospite può trovare all’interno di casa tua e le comodità di cui la zona dispone. Scatta anche delle belle foto, luminose che ritraggano gli spazi principali del tuo immobile.

A questo punto, effettua il login su Subito.it inserendo la mail con cui decidi di gestire l’attività e dove il portale di invierà le email di aggiornamento sul tuo annuncio:

  • seleziona la categoria: casa vacanza;
  • tipo di annuncio: in affitto per vacanze;
  • carica immagine: seleziona le foto migliori che hai scattato scegliendo quella più bella come copertina;
  • titolo annuncio: scegli un titolo breve ma conciso;
  • descrizione: inserisci il testo con la descrizione (sia in italiano che in inglese in modo da essere comprensibile a chiunque;
  • canone: euro per notte
  • infine prosegui e dopo aver confermato il tuo annuncio verrà preso in visione dai tecnici di Subito. Dopo qualche minuto riceverai una mail che ti avvertirà che il tuo immobile è stato pubblicato correttamente.

Non essendo un’attività imprenditoriale a tutti gli effetti, questa non necessita dell’apertura della partita iva. Un obbligo a cui devi sottostare, importanti per questioni di sicurezza, è l’aggiornamento costante del portale della Polizia di Stato, dove dovrai riportare i nomi degli ospiti, entro 24 ore dal loro arrivo.